Blocchi di cane e di Lupo

Visualizzazione grafica della composizione cromosomica dei CLC

Blocchi di cane e di Lupo

In questi grafici è possibile visualizzare la distribuzione di porzioni genomiche di cane e di Lupo nei CLC analizzati nello studio. Ogni gruppo di barre (12) rappresenta un Cromosoma, ogni barra rappresenta un CLC. La barra di ciascun CLC è virtualmente divisa in due, a rappresentare le due varianti del DNA (una di eredità parterna e una di eredità materna). Le porzioni di barra azzurre rappresentano entrambi varianti di Cane per quella regione, porzioni di barra blu rappresentano entrambe varianti di Lupo, mentre le porzioni miste stanno a significare che il CLC possiede in quella regione una variante di cane e una di lupo. 
Molte sono le informazioni ricavabili con questo approccio, sia sui singoli esemplare che a livello di popolazione. Nell'immagine qui sopra, che illustra una sezione dei cromosomi 1,2 e 3, vediamo che nel primo esiste un blocco, uguale in tutti i CLC, estremamente fissato di varianti di cane. Nel cromosoma 2, cerchiata in rosso, è possibile notare una sottile linea verticale azzurra (cane) che attraversa tutti i CLC in una regione dove sono prevalenti i blocchi blu (lupo). Questo tipo di conformazione indica gli effetti di una elevata pressione di selezione artificiale, molto probabilmente risalente alla gestione militare (dove esisteva controllo assoluto), in cui in quel determinato sito sono state eradicate completamente le varianti di lupo. Nell'intero panorama dei 38 cromosomi è possibile individuare molte regioni altamente caratterizzate come queste, che permettono di tracciare il profilo genomico della razza.

Altra importante potenzialità è quella di individuare regioni genomiche in cui c'è grande variabilità e, possendendo i profili dei riproduttori è possibile ottimizzare e potenziare la capacità di gestione della variabilità genetica negli accoppiamenti.

 

Articolo inserito il 19/07/2018